Nicola Zaccaria

Nato a Brescia nel 1977, vive a Ghedi (BS). Si dedica alla fotografia dal 2008 prediligendo fin dagli esordi il tema introspettivo che sviluppa soprattutto attraverso portfolio fotografici. Nel suo percorso tocca ampiamente il tema sacro che lo porta ad aderire alle iniziative dell’Unione Cattolica Artisti Italiani (UCAI), nel segno del pensiero di san Paolo VI sull’arte (dal 2018 è vicepresidente della sezione provinciale di Brescia).

Sue personali sono state esposte presso: Galleria civica di Montichiari (BS); Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia; Casa del popolo Euplo Natali di Brescia; Biblioteca comunale di Viganò (LC); Biblioteca comunale di Concesio (BS), Museo Casa Francesco Datini di Prato. Dal 2015 è presente presso Art Hotel Museo di Prato con la camera d’autore dal titolo “Acque di luce”. Nel 2017 una sua opera “Il nostro passaggio” entra a far parte della  CoArtCo. – Galleria civica di arte contemporanea in Palazzo Bertazzoli, Bagnolo Mella (BS). Un articolo dedicato a suoi lavori fotografici esce a luglio 2018 nella  rivista di settore Image Mag.

Collabora da anni con l’Associazione per l’Arte Le Stelle di Concesio e con l’Associazione culturale Nexus di Ghedi, partecipando ai numerosi eventi organizzati. Aderisce ad iniziative promosse da Spazio Heart – Pulsazioni culturali di Vimercate (MB).

Ha realizzato significativi cicli di argomento sacro. Risale al 2012 “Svelata – Litanie lauretane”, rivisitazione in chiave simbolica delle invocazioni mariane, esposta in San Zenone all’Arco a Brescia, a cura dell’Associazione per l’Arte Le Stelle e riproposta successivamente al Centro Mater Divinae Gratiae di Brescia, in provincia e fuori: a Palazzo Cigola Martinoni di Cigole (2013), nella chiesa parrocchiale di Santo Stefano Martire a Bedizzole (2017), nel Santuario dell’Annunciazione a Marcheno (2018), nella pieve di Sant’Andrea a Iseo (2018), nella cattedrale di San Vigilio a Trento (2019). Nel 2015 presenta “Non piangete”, una prima selezione di Compianti scultorei di terra bresciana, reinterpretati secondo una personale riflessione sul mistero pasquale. Il lavoro è esposto in San Zenone all’Arco a Brescia, al Santuario della Madonna della Stella a Bagnolo Mella, nella Chiesa di San Giorgio a Zone (BS) e nella Parrocchiale dei SS. Pietro e Paolo in Marcheno. Nel 2018 la ricerca si amplia fino a comprendere tutti i compianti scultorei presenti nel territorio della provincia di Brescia: il frutto di tale lavoro è presentato per la prima volta alla XIX^ edizione della Settimana Montiniana a Concesio. Nello stesso anno porta a termine un percorso in chiave simbolica sui Vangeli del tempo di Natale, dal titolo “Puer natus est nobis”, esposto presso la Spectrum-Kirche di Passau, a cura del Centro diocesano di pastorale degli artisti.

In occasione del Festival “Resurrexit” (Brescia, 2018) una sua installazione a tema è ospitata nella chiesa cittadina di Sant’Agata. Sue opere sono collocate in luoghi di culto e di spiritualità.

Nel 2019 partecipa alla rassegna annuale “Artista in-formato”, a cura del Centro internazionale della grafica di Venezia; è presente, inoltre, nella collettiva “Arte sacra” organizzata dallo Spazio culturale Heart presso la sala civica di Robbiate (LC), nell’ambio della rassegna I temi dell’arte.